Category: Recensioni

Articoli, recensioni etc.

Un legal thriller perfetto – la recensione di Giallomania

legal_thriller_2014 Arriva in questi giorni di fine 2014 la recensione del legal thriller Italiano NON TI SVEGLIARE da parte di GIALLOMANIA, attivissima e autorevole associazione culturale, nota tra le altre cose per l’organizzazione del “Lomellina in Giallo”.

Di seguito trovate la parte più saliente del giudizio di Paola Badi, la recensione completa è disponibile sul sito di Giallomania.

“Ansia. Inizia così il legal thriller di Stefano Visonà, fin dalla prima riga della prima pagina per poi finire con il terrore. Buio. In una mattina di nebbia fittissima accade un incidente stradale, un uomo rimane gravemente ferito e poi il buio. Alle 22:00 arriva una telefonata al pronto intervento, i paramedici arrivati sul luogo, dovranno gestire una macabra scoperta. Questo è solo l’inizio del romanzo, inizia così l’indagine dell’avvocato Rubens Gatto. Sarà un’indagine complessa, si dovrà partire dall’inizio, dagli “inutili anni ottanta”. Sarà un lungo viaggio intervallato da capitoli che grazie alla tecnica del flash back alternano il passato con il presente. Un viaggio durissimo, un risveglio di incubi, di segreti non detti e di scoperte terribili, dove nessuno ne uscirà indenne. Un salto nell’abisso profondo che li metterà a dura prova con le loro coscienze. Uno stile di scrittura ineccepibile, una descrizione dei luoghi cinematografica con i personaggi molto ben caratterizzati. Un legal thriller perfetto. Viene da paragonarlo a quelli di John Grisham. Molto minuzioso sia nelle parti legali che in quelle mediche. Una scrittura scorrevole che riesce tenere alta la tensione fino alla fine del romanzo.” -Paola Badi, GIALLOMANIA.

Articolo – intervista su SCRITTEVOLMENTE

E’ uscito in questi giorni su SCRITTEVOLMENTE un articolo-intervista, seguito alla presentazione in Feltrinelli Treviso, dove ho avuto il piacere di conoscere Davide Dotto. Ve lo ripropongo:

Mercoledì 23 gennaio 2013, alle ore 18.00, presso la libreria Feltrinelli di Treviso, in Via Canova a lato del Duomo, Stefano Visonà ha raccontato, tra lettura, immagini e ricordi, il suo primo romanzo. Ha parlato di luoghi, di atmosfere, di un genere tutto nuovo (Legal thriller italiano). Ha poi aperto una finestra sugli inutili anni Ottanta – così li considera un suo personaggio. Tutto ciò si consolida nella scrittura, in una ricerca espressiva che non tralascia nulla, affinché la pagina si mostri nitida come una fotografia. Questo in sintesi.

luoghi di cui si racconta non sono pretesti narrativi, ma si mostrano pulsanti come i personaggi che li hanno creati e li abitano. Sono la Statale 11 che collega Verona a Vicenza, la nebbia della val padana, una località (San Leo) che riassume i paesi che si snodano intorno, un non-luogo perché immaginato, anche se inventato fino a un certo punto. San Leo richiama caselli, cartelli stradali, casolari che ciascuno può incontrare e, volendo, fotografare lungo la strada.

L’atmosfera creata con cura certosina fa da sfondo a un Legal thriller, italiano per evidenziare la vocazione e la tradizione culturale che non appartiene a una dimensione territoriale piuttosto che a un’altra, ma che si apre a quelle circostanti: ciascuno di noi nasce e si radica in un territorio, che è un prezioso granello, una piccola parte essenziale, distinta ma non separata da un tutto più ampio.

Il Legal Thriller, ha ribadito l’autore durante l’incontro, è stato possibile ambientarlo in Italia grazie al legislatore, che con l’art. 11 della Legge 7 dicembre 2000, n. 397 ha introdotto nel codice di procedura penale il Titolo VIbis – Investigazioni difensive, e quindi l’art. 391bis e quelli che seguono. In mancanza di ciò l’avvocato Rubens Gatto, nello snodarsi della vicenda, non avrebbe potuto superare la barriera della verità processuale (fatta di carte e di norme procedurali).

Il romanzo non si muove solo lungo uno spazio fisico ben definito, si sviluppa trasversalmente in una dimensione temporale: racconta per immagini, musica e altre suggestioni gli inutili, per non dire fondamentali anni ’80, dove tutto è cominciato. Inutili per chi vi è passato forse indenne, fondamentali per chi, essendo nato nel ’70 o giù di lì, in essi ha vissuto una prima parte dell’adolescenza, quasi una sorta di Medioevo nel quale ogni cosa era destinata a germogliare nel suo Rinascimento, portando frutto più tardi. È anche il tempo in cui i ricordi sotterrati e le esperienze vissute (e parzialmente sopite) ritornano prepotentemente.

Arriviamo infine alla scrittura. L’autore ricorda en passant un epigramma di Platone che gli ha dato molto da riflettere: su come le parole siano importanti, non possano essere scelte a caso, ma debbano essere ricercate con cura, affinché diventino fotografia di ciò che rappresentano. In questo modo nella prosa entra la dimensione poetica, quella che meglio si addentra nelle cose e nella loro anima. Non per niente Platone parlava di mania poetica.

Nel mettere mano a quest’articolo mi sono venute in mente delle domande che nei giorni seguenti ho posto all’autore, un modo come un altro per continuare, in queste righe, il discorso iniziato a Treviso.

Se non vi fosse l’art. 391bis del codice di procedura penale avresti scritto un Legal thriller? Se sì, dove l’avresti ambientato?

L’idea alla base di NON TI SVEGLIARE era l’utilizzo del romanzo di genere per raccontare il Veneto di oggi. La scelta del taglio Legal ha varie ragioni, soprattutto collegate alla mia storia personale, ma NON TI SVEGLIARE è un Legal thriller un po’ particolare, poiché la vicenda non si svolge prettamente in aula. Nel libro l’azione segue passo passo le indagini svolte dall’avvocato Rubens Gatto in difesa del suo assistito, accusato di un omicidio terribile. Mancando la possibilità investigativa da parte del difensore (introdotta, appunto, in Italia con il 391bis poco più di una decina di anni fa) sarebbe venuto a mancare uno dei presupposti fondamentali nella costruzione del romanzo.
In secondo luogo, l’ambientazione in Veneto era ed è uno dei capisaldi irrinunciabili della mia scrittura. Scrivo del mio mondo, di quello che conosco, di quello che vedo tutti i giorni. Il Veneto è il mio Maine in scala minore, se mi concedi il paragone un po’ eretico. Non avrei potuto raccontare di altri luoghi, ambientare altrove il romanzo.
Quindi no, senza il 391 bis non avrei scritto NON TI SVEGLIARE, né un Legal thriller ambientato altrove.

Nel romanzo “Non ti svegliare” appare il paesaggio veneto, la statale 11, cartelli stradali, casolari, luoghi in cui massiccia è la presenza dell’uomo. Ecco la domanda: nel romanzo fino a che punto i luoghi fanno le persone e le persone i luoghi?

C’è un legame bidirezionale, simbiotico, come nella vita reale. Le persone sono plasmate dai luoghi e dall’ambiente in cui si trovano e nel contempo contribuiscono al suo cambiamento. Sia in termini prettamente fisici che culturali o sociali. In NON TI SVEGLIARE i protagonisti sono stati forgiati dal contesto in cui sono cresciuti nei primi anni ’80 e poi ne hanno determinato, pur se inconsapevolmente, un profondo mutamento. Non svelo oltre, ma se pensi a quello che succede…

La poesia in genere dice molto in poche parole, mentre la prosa rischia di dire poco in molte. Che rapporto hai con la poesia e in che modo essa entra nella tua prosa?

Mi viene da rispondere che la poesia, un certo tipo di poesia, mi ha formato negli anni cruciali del liceo. È ovvio, un giallo può essere solo sviluppato in prosa, ma in NON TI SVEGLIARE ho cercato spesso la metafora o la narrazione per immagini, in un modo che è proprio della poesia. Certe divagazioni iniziali nei capitoli, certe descrizioni di luoghi, sensazioni… Comunque sia chiaro: non sono un poeta, sono uno scrittore di thriller [Risata maligna di sottofondo].

Durante l’incontro hai parlato di un prossimo romanzo. Hai scelto o stai scegliendo delle foto che ne riassumano la storia, capitolo dopo capitolo. Puoi anticiparci qualcosa?

Sì, è un esperimento che avevo in mente da un po’: raccontare in fotografie, capitolo dopo capitolo, il percorso di scrittura del mio prossimo Legal thriller italiano. Il progetto è partito proprio in questi giorni e l’ho chiamato 1 = 1, ovvero “un capitolo = una foto”. A ogni fine stesura di capitolo, fino a conclusione del romanzo, pubblicherò una foto che ha ispirato o è collegata al testo, con una citazione e qualche nota. Ho la passione della fotografia sin da ragazzo e penso che l’occhio di un fotografo sia simile a quello di uno scrittore. Sono poi abituato a pensare per immagini e a prendere appunti “fotografici” (ho quasi sempre con me la mirrorless o la reflex). Da qui l’idea di 1=1, ispirata a quei quei 365 photo projects, dove un fotografo si mette in gioco pubblicamente per un anno. Solo che per me lo scopo principale rimane scrivere, portare avanti con metodo il mio prossimo libro e nel contempo provare a raccontarne il percorso, magari migliorando un po’ la mia tecnica fotografica. Il progetto si può seguire sul mio sito http://stefanovisona.it/category/1capitolo1foto/

La tua scrittura si è formata attraverso il racconto, poi sei passato al romanzo. Quanta pazienza occorre per scrivere un racconto, quanta perseveranza è necessaria per un romanzo?

Un racconto va limato, rifinito, cesellato parola per parola, soprattutto quando si hanno dei vincoli di lunghezza, come nei concorsi letterari. In un numero finito di battute bisogna esporre un’idea originale, tratteggiare un mondo e creare una suggestione che persista nella mente del lettore oltre la conclusione della lettura. Nel romanzo, per come lo sento io, lo stesso lavoro va moltiplicato su oltre quaranta capitoli strettamente intrecciati tra loro. Per non desistere occorre perseveranza, appunto, darsi un metodo e imporsi scadenze. Per il prossimo romanzo ho ideato 1 = 1 anche per questo motivo. Un impegno pubblico a cui non posso più sottrarmi.

Tre cose fondamentali che consiglieresti a un esordiente.

Eh, questa è la domanda più difficile, sul serio, non mi sento di “dare consigli”. La scrittura è una cosa assolutamente personale, ognuno deve trovare dentro di sé la strada, fare il proprio percorso. Ok, se proprio insisti e vuoi che dica qualcosa: perseverare, perseverare, perseverare. Sapete tutti cosa intendo.

 

Articolo-Intervista a Stefano Visonà su “il Giornale di Vicenza”

Un lungo articolo-intervista di Lino Zonin a Stefano Visonà è stato pubblicato il 6 dicembre 2012 sulle pagine del Giornale di Vicenza, il quotidiano di riferimento del vicentino. Legal thriller, i successi di un anno e i progetti futuri. Cliccate sull’immagine per leggere tutto.

Sul quotidiano “L’Arena” articolo sul “NON TI SVEGLIARE tour”!

Articolo su L'Arena 31 Agosto 2012Su “L’Arena” del 31 Agosto 2012 è stato pubblicato a firma di Angela Bosetto un lungo, dovizioso e lusinghiero articolo su NON TI SVEGLIARE. L’occasione è la presentazione-spritz del 2 Settembre a Verona e se siete curiosi di sapere cosa ne pensa del Legal thriller Italiano il più diffuso quotidiano di Verona e provincia, cliccate sull’immagine e leggete 🙂 🙂 🙂

Un successo letterario: NON TI SVEGLIARE (articolo su “il Basso Vicentino”)

Articolo il Basso Vicentino Luglio - Agosto 2012

“Il suo libro crea assuefazione, bisogna andare avanti a leggerlo, dopo ogni pagina si cerca la successiva…” – Il Basso Vicentino (lug-ago 2012)

Sul numero in edicola questo mese del mensile “Il Basso Vicentino” è apparso un lungo articolo dedicato agli scrittori di area berica. Tra i sei autori oggetto dell’articolo ci sono anch’io, se siete curiosi di conoscere cosa pensa veramente il giornalista di NON TI SVEGLIARE cliccate sull’immagine e leggete… 🙂

 

Un anno di NON TI SVEGLIARE

Buoncompleanno NON TI SVEGLIARE

Buoncompleanno NON TI SVEGLIAREOggi è un giorno speciale, me ne sono reso conto stamane quasi per caso e lo scrivo qui ora con un po’ di trepidazione: proprio oggi NON TI SVEGLIARE compie un anno di vita! La prima edizione del “Legal Thriller Italiano” riporta infatti la data di giugno 2011.

Girandomi indietro vedo che un anno è letteralmente volato e di cose ne sono successe veramente tante:

– Le migliaia di persone incontrate in innumerevoli serate di presentazione: dalla “prima“, dove ero sopraffatto dall’emozione (e dalle oltre cento persone presenti), agli eventi nei posti più affascinanti e vari (librerie, caffè letterari, biblioteche, ghiacciaie, teatri…).

– Le fiere del libro in lungo e largo per l’Italia: dalla prima apparizione pubblica al Lomellina in giallo (dove ho venduto la prima copia del libro a Valerio Varesi), fino al recente Salone del Libro di Torino (dove ho invitato Gianrico Carofiglio per il mio evento-spritz dicendogli “Salve, sono un concorrente“).

– I crescenti e continui riscontri di vendita: dai primi posti nelle classifiche mensili CIESSE edizioni al primo posto su Amazon Italia, dalle due, tre, quattro edizioni via via una di seguito all’altra (e la seconda già dopo un mese) allo status ufficiale di longseller di CIESSE Edizioni.

– Gli articoli sui giornali, le interviste TV e radio (da 7GOLD a Caterpillar su Radio RAI2), i commenti dei lettori, numerosissimi, ovunque: qui sul sito, sulla pagina facebook, su Anobii, su Amazon ed in gran parte lusinghieri, positivi, incoraggianti (ditemi, è vero che aspettate il prossimo, vero? Lasciate un commento qui sotto…)

Insomma, in un soffio è passato un anno e di strada ne abbiamo fatta sia io come autore, sia CIESSE Edizioni (che si sta consolidando come una delle più attive case editrici italiane) e, grazie a voi lettori (sì, proprio grazie a te che stai leggendo ora!) quello che era inizialmente un sogno quasi irrealizzabile è diventato una solida (ed in continua crescita) realtà!

Buon compleanno NON TI SVEGLIARE.

 

Intervista a Stefano Visonà su Radio IES, la radio della città di Roma

Un po’ alla volta la notorietà di NON TI SVEGLIARE si è diffusa oltre i confini del Veneto (luogo di ambientazione per eccellenza del romanzo) ed il legal thriler italiano segnalato XXIII Premio Calvino sta suscitando sempre più interesse anche a livello nazionale. Radio IES, una delle più importanti emittenti della città di Roma (con cui collaborano nomi noti dello spettacolo, dalla “A” di Alba Parietti alla “V” di Vittorio Sgarbi), ha trovato intrigante la storia di NON TI SVEGLIARE e mercoledì 11 Aprile 2012 mi ha contattato per una intervista in diretta radiofonica. Uno scambio di battute molto piacevole, che qui sotto potete riascoltare:

NON TI SVEGLIARE su “Il Basso Vicentino”

Su “Il Basso Vicentino”di Febbraio 2012, mensile di informazione e cultura dell’Area Berica, è uscito un articolo molto intrigante di Stefano Zampieri riguardo NON TI SVEGLIARE. In particolare, mi piace la chiusura… Se non lo trovate in edicola, cliccate sull’immagine per ingrandire e leggere tutto il testo.

Stefano Visonà in diretta a CATERPILLAR Rai 2

Giovedì 1 Marzo alle ore 18:45, sono apparso in diretta su Caterpillar, Rai Radio 2. L’interesse della trasmissione era capire il meccanismo che ha portato in poche ore NON TI SVEGLIARE al primo posto della TOP100 Bestseller su Amazon. E’ stato tutto “dal vivo”, non conoscevo le domande, nè il tempo che avevo. Riascoltandomi mi rendo conto che forse non ho fatto un discorso completo, ma quando ho iniziato a parlare in mente avevo solo di non incepparmi, non balbettare, non fare scena muta. Se ascoltate il pezzo qui sotto sembro tranquillo, assolutamente a mio agio, ma vi assicuro che avevo il cuore in gola, è stata la mia prima “diretta nazionale”.

 

Su l’Altro Giornale “Il legal thriller tutto italiano”

Su L’Altro Giornale di gennaio 2012 (a pagina 22) è uscito un ottimo articolo di Graziana Tondini, che coglie perfettamente l’essenza e le suggestioni della presentazione di Cologna Veneta.

<– Cliccate sull’immagine a lato per ingrandire e leggere tutti i dettagli. 🙂 🙂 🙂

“E’ uno dei più interessanti casi letterari italiani dell’anno” – Il Gazzettino, 6 Ottobre 2011

Articolo da”Il Gazzettino”, 6 Ottobre 2011

E’ uno dei più interessanti casi letterari italiani dell’anno. Stiamo parlando dello scrittore leoniceno Stefano Visonà impostosi all’attenzione di pubblico e critica con il romanzo “Non ti svegliare”, un legal thriller italiano che ha ottenuto una speciale segnalazione al “Premio Calvino”. Sarà tra i protagonisti anche della “Fiera delle parole 2011”, manifestazione letteraria che si sta svolgendo questa settimana a Padova e che, accanto ad alcuni grandi nomi italiani della cultura, come Ferdinando Camon, Dacia Maraini e Corrado Augias, darà modo ad una quindicina di autori emergenti di presentare le proprie ultime fatiche.
In particolare, a Stefano Visonà sarà riservata anche una “vetrina speciale” domani 7 ottobre alla Libreria Pangea, con inizio alle ore 18:30.
“Non ti svegliare”, 400 pagine, è un “legal thriller” ispirato per scrittura, complessità della trama ed ampiezza della vicenda ai “grandi contemporanei anglosassoni”, ma che nello stesso tempo è pur calato nella realtà italiana, coerente perciò con la prassi del nostro sistema giudiziario. Nel romanzo predomina il meccanismo del giallo, dell’enigma legato ad un omicidio inspiegabile e della conseguente ricerca di un colpevole, ma, fatto poco comune nel panorama letterario italiano, il protagonista-indagatore è un avvocato penalista, che agisce con i metodi previsti dal nostro Codice di Procedura Penale ed opera nel contesto della realtà triveneta. Un mix che ha costituito un’autentica novità per un filone letterario che, proprio grazie al vicentino, è ora finalmente venuto alla ribalta anche in Italia.
Luca Lazzari

Intervista TV con 7Gold

Fabrizio Stelluto intervista Stefano Visonà, autore del legal thriller NON TI SVEGLIARE – Trasmissione “Approfondimenti” di 7 Gold Plus.

Trovate l’intervista completa (12 minuti) sul sito di Asterisco Informazioni

Una buona lettura per l’estate

Rassegna stampa: “IL BASSO VICENTINO” di Luglio 2011 nell’articolo “Scrittori sotto l’ombrellone” consiglia NON TI SVEGLIARE come “una buona lettura per l’estate”!